21 Gen 2014

Claudio Abbado, il silenzio della Resurrezione

Un giovane Abbado mentre dirige.

Un giovane Abbado mentre dirige.

Per fortuna Claudio Abbado ci ha lasciato molte incisioni, grazie alle quali possiamo godere della sua competenza e passione. Nella mia discoteca trovano posto diversi Cd e alcuni Dvd. Fra tutti, il preferito è quello che sto riascoltando in questo momento: la registrazione della Seconda di Mahler con la Lucerne Festival Orchestra nell’estate del 2003.

Una sinfonia stupenda, un’interpretazione superba con uno dei più grandi direttori del mondo alla guida di una superorchestra. A questo memorabile concerto, così significativo da assurgere a momento simbolico, oggi che Abbado è scomparso, ho dedicato un articolo intitolato Quell’infinito silenzio in ascolto della Resurrezione.

15 Gen 2014

Etty Hillesum, la donna che perdonò Dio

Un'immagine di Etty Hillesum.

Un’immagine di Etty Hillesum.

Oggi Etty Hillesum avrebbe compiuto 100 anni. Una bella occasione per ricordare questa donna straordinaria, che avrebbe voluto fare la scrittrice e invece fu costretta dalla storia a dare consolazione agli ebrei destinati ad Auschwitz, fino a condividerne la sorte.

Per chi non la conoscesse, Adelphi ha appena pubblicato l’edizione integrale del Diario e delle Lettere.

A questa “donna che perdonò Dio” ho dedicato questo articolo.

Di lei ho parlato in questo blog in due occasioni: Scandalosa Etty e Trovare il bene nel male.

12 Gen 2014

Non basta una gelata per tranquillizzarci

Mappa dell'inquinamenento negli Stati Uniti.

Mappa dell’inquinamenento negli Stati Uniti.

E’ bastata una gelata negli Stati Uniti per scatenare una nuova offensiva contro una politica e una cultura più attenti all0’ambiente, al surriscaldamento del pianeta, all’inquinamento. Insomma, a un mondo più sostenibile.

Il loro è un ragionamento rozzo e mistificatore: vedete come fa freddo? altro che surriscaldamento del pianeta, altro che effetto serra… sono tutte frottole.

Costoro mentono sapendo di mentire. Conducono in cattiva fede una battaglia volta a proteggere i loro sporchi interessi, perché vogliono continuare a comportarsi come se nulla fosse.

Peccato che tutti i più autorevoli organismi mondiali abbiano dimostrato che il surriscaldamento del pianeta, dovuto all’immissione di anidride carbonica riconducibile in larga parte all’attività umana, con tutti gli effetti nefasti che implica, è un’evidenza scientifica incontrovertibile. Decenni di rilevazioni di temperature medie, aumenti delle temperature e della percentuale di anidride carbonica nell’atmosfera vengono deliberatamente e irresponsabilmente ignorati…

A ragionare così grossolanamente affermando pericolose idiozie scientifiche è quella stessa lobby che per lunghi anni finanziò Bush e la sua politica, sono i petrolieri e gli industriali che mirano al profitto e non accettano di ripensare il modo di produrre. Quegli stessi che, come è stato dimostrato, pagarono alcuni scienziati per affermare il falso e tranquillizzarci tutti.

Ma noi non vogliamo essere rassicurati, vogliamo conoscere la verità e assumere nuovi stili di vita, che ci permettano di respirare aria sana e di consegnare ai nostri figli un mondo abitale e vivibile. Ora più che mai, è necessaria una filosofia del clima.

11 Gen 2014

Mario Vargas Llosa eroe della letteratura

Mario Vargas Llosa

Mario Vargas Llosa

E’ in grande forma Mario Vargas Llosa. Il premio Nobel torna ai suoi migliori livelli con l’ultimo romanzo, Un eroe discreto (Einaudi). Età, Nobel, appagamento sembrano non intaccare la sua ispirazione. Anzi…

Di che cosa parli questo appassionante e bellissimo romanzo e perché sia da annoverare fra le sue prove migliori lo spiego in questo articolo.

27 Dic 2013

Nobel per la letteratura per l’infanzia a Stian Hole

 

Un'illustrazione di Stian Hole.

Un’illustrazione di Stian Hole.

Stian Hole è un autore di libri illustrati di straordinaria bravura, delicatezza, modernità, sensibilità. Ha scritto tre libri, uno più bello, più profondo, più delicato dell’altro. Raramente ho letto testi che sanno affrontare sia i temi quotidiani, sia quelli eccezionali con tanta intelligenza e poesia.

Se esistesse un Nobel per la letteratura per l’infanzia, Stian Hole dovrebbe senza dubbio figurare fra i candidati. Qui spiego le ragioni della sua candidatura.

Aggiungo solo che, se questi libri colpiscono l’immaginazione dei bambini, non lasciano certo indifferenti gli adulti…

26 Dic 2013

Valeria Parrella, imparare dalla disabilità

Valeria Parrella

Valeria Parrella

Uscirà ai primi di gennaio il nuovo romanzo di Valeria Parrella, Tempo di imparare (Einaudi). Un libro forte, duro e tenero al tempo stesso. Il tema è la disabilità o, meglio, il racconto di una madre su ciò che significa avere e vivere con un figlio disabile.

L’autrice non nasconde nulla del dramma interiore che si trova a vivere una donna e una madre, né delle difficoltà “pratiche” che si è costretti ad affrontare. Usa l’allegoria mitologica per restituire la portata di un evento simile. Ma l’aspetto più profondo del romanzo sta nel faticoso percorso che la protagonista intraprende, quando accetta di imparare a convivere con la disabilità del figlio, ad amarlo per come è, a dare un senso a ciò che parrebbe non averne.

Ecco il mio post su Tempo di imparare nel blog Libri, il buon e il cattivo.

21 Dic 2013

Ramin Bahrami, lezione su Bach

Ramin Bahrami in concerto.

Ramin Bahrami in concerto.

Ho avuto il privilegio di incontrare e intervistare il pianista Ramin Bahrami, fra i più grandi interpreti contemporanei di Bach, persona di grande simpatia  e sensibilità.

A fine intervista, ho assistito in diretta a un piccolo, prezioso ed esclusivo concerto su Bach. Gioie del mestiere. Ecco qui il racconto di questo incontro speciale.

19 Dic 2013

Le mille e una notte di Giuseppe Pitrè

Un'illustrazione di Fabian Negrin al volume di Giuseppe Pitrè.

Un’illustrazione di Fabian Negrin al volume di Giuseppe Pitrè.

La ricchezza della nostra tradizione non cessa di stupirmi. L’ultima scoperta riguarda una raccolta di fiabe che Italo calvino giudicò una delle più importanti in assoluto nella nostra lingua.

Si tratta di Il pozzo delle meraviglie di Giuseppe Pitrè che Donzelli ha avuto il merito di riscoprire e pubblicare.

Giuseppe Pitrè fu figura geniale e affascinante: medico di professione, girò in calesse la Sicilia per raccogliere dalla viva voce della sua gente i racconto orali.

Il risultato è questo libro meraviglioso, illustrato da Fabian Negrin, al quale ho dedicato questo articolo.

8 Dic 2013

Michele Serra, sdraiati ma non rassegnati

Un particolare della copertina del libro di Michele Serra.

Un particolare della copertina del libro di Michele Serra.

Michele Serra domina le classifiche dei libri più venduti con il suo Gli sdraiati (Feltrinelli), efficace immagine di una generazione apatica, sopraffatta dalle nuove tecnologie e , soprattutto, poco incline a comunicare con i genitori.

Ai quali, comunque, Serra non risparmia nulla: che “i vecchi” siano i buoni e dalla parte del giusto e i giovani i cattivi e dalla parte del torto, non è la sua tesi. Ognuno ha le sue colpe, le sue fatiche.

Se l’obiettivo è – come dovrebbe essere – quello di rendere nuovamente possibile questo dialogo, necessario e fondamentale, la volontà di trovare una nuova via, un ponte, una terra di mezzo va messa in primo piano. In fondo, il padre del libro che, con tutti i suoi limiti, non si rassegna a questa distanza con il figlio e si intestardisce a portarlo in montagna, può insegnarci molto: come racconto qui.

2 Dic 2013

Lo spirito di San Francesco aleggia su di noi

Alessandro Mari e il suo libro.

Alessandro Mari e il suo libro.

Dev’esserci qualcosa nell’aria che ci riporta a San Francesco. Tre libri usciti di recente pongono al centro la straordinaria esperienza dell’uomo di Assisi. La cosa stupefacente, per me, è che tutti e tre sono stati concepiti prima che un certo Bergoglio scegliesse il nome di Francesco per il pontificato. Segni dei tempi…

Dacia Maraini si è dedicata  a Santa Chiara (Rizzoli). Chiara Frugoni – fra le massime esperte di francescanesimo – si è divertita a immaginare il rapporto fra Francesco e il lupo (Feltrinelli).

Alessandro Mari, giovane e bravo scrittore, dotato di una scrittura ricercata e ricca, appassionato di storia, come dimostra il suo esordio Troppa umana speranza, ha scritto invece Gli alberi hanno il tuo nome (Feltrinelli). L’idea di fondo è quella di istituire un parallelo fra la vocazione e la ricerca, travagliata, di Francesco e la vocazione e la ricerca dei giovani d’oggi. Così, si muove nel tempo fra gli anni di Francesco e il nostro presente, incarnato da una ragazza di nome Rachele, psicologa, fidanzata con Ilario.

Che cosa hanno in comune lei e San Francesco? Leggete qui…

Pagine:«1...6789101112...21»

Chi sono

Sono nato a Vicenza nel 1968. Mi sono laureato in Filosofia a Padova con una tesi su Martin Heidegger, poi ho frequentato il Biennio di giornalismo dell’Ifg di Milano. Sono caporedattore e responsabile del settore Cultura e spettacoli di Famiglia Cristiana. Mi sto occupando di Filosofia per bambini e per comunità (P4C). [leggi tutto…]

Preghiere selvatiche

There's a blaze of light In every word It doesn't matter which you heard The holy or the broken Hallelujah
Leonard Cohen

Questo blog usa i cookie. Cliccando su "Accetto" o continuando a navigare sul sito, accetti il loro utilizzo. Se vuoi puoi cambiare le  impostazioni dei cookie.